USMATE HOME
   
Misura Compensativa 27
   
Progetto locale 28
   
Misura compensativa 29
 
mitigazioni ambientali 
   
Cipe
     
Progetto preliminare
   
    
  
   
 
AICURZIO (MB)
   
ARCORE (MB)
 
BARLASSINA (MB)
 
BELLUSCO (MB)
 
BERNAREGGIO (MB)
 
BIASSONO (MB)
 
BOVISIO-MASCIAGO (MB)
 
CARATE BRIANZA (MB)
 
CARNATE (MB)
   
CESANO MADERNO(MB) 
 
COGLIATE (MB)
 
CORNATE D'ADDA (MB)
 
DESIO (MB)
 
LENTATE SUL SEVESO (MB)
 
LESMO (MB)
    
LIMBIATE (MB)
   
LIPOMO (CO)
    
LISSONE (MB)
   
MACHERIO (MB)
     
MEDA (MB)
 
SEREGNO (MB)
 
SEVESO (MB)
 
SOVICO (MB)
 
SULBIATE (MB)
   
TREZZO SULL'ADDA (MB)
 
TRIUGGIO (MB)
 
USMATE VELATE
 
VIMERCATE (MB)
       
               




  
 
 

Usmate Velate 


  
    
 
   
                        
   
           
MISURE COMPENSATIVE
 
 
 
   
LA RETE DEI PROGETTI LOCALI PROGETTO LOCALE n.27
 
     
COMUNI INTERESSATI:
Arcore (MI), Usmate Velate (MI)
  
  
  LOCALIZZAZIONE:
boschi nelle prime colline moreniche e piani alti  del Parco dei Colli Briantei
 
 
 

TIPOLOGIA E MATERIALI:
di consolidamento della naturalità esistente, conessione ecologica e di mobilità lenta
 
 
 
    
    DESCRIZIONE DELL’INTERVENTO:




Si tratta di un intervento esteso all’intera parte alta  del Parco dei Colli Briantei e che ha il primo scopo di riconnettere la continuità ecologica, paesistica e dei percorsi fra la parte bassa e quella alta del parco separate dal nuovo manufatto. Una prima opera di riconnessione è costitita da una estesa opera di riqualificazione dei bosche esistenti a nord e a sud del tracciato in collaborazione con le opere di mitigazione. Un secondo elemento di riconnessione è costituita dal recupero di due percorsi forestali, che permettono un collegamento ciclopedonale ad anello fra le Corti di Bernate e Villa Durini e Cascina Masciocco, Cascina Dosso, e da qui verso monte Morgorio, collina belvedere artificiale costruita apposta sul crinale della collina per godere di una dista a 360 gradi, per la quale si prevede l’acquisizione ed un primo intervento di riqualificazione . Da qui i percorsi si dividono a riconnettersi a nord verso le propaggini sud del Parco della Val Curone e a sud verso Corte Giulini e Villa Scaccabarozzi, attraverso tracciati storici. La rete dei percorsi permette così una percorribilità nord sud a partire dalla greenway fra uno dei paesaggi più suggestivi delle Brianza. Il progetto prevede anche alcune limitate aree di rimboschimento a completamento e schermature di edifici incongrui.