DESIO HOME
 
Progetto locale 23
 
mitigazioni ambientali a Desio
   
GREENVAY
   
aree cantieri
 
Opere connesse
 
Prescrizioni CIPE
 
Zona S. Giuseppe in particolare
   
Osservazioni
     
Progetto preliminare
        
   







Desio 


   
Osservazioni presentate da  Insieme   in   rete   per   uno   sviluppo   sostenibile
 
OSSERVAZIONI GENERALI DEL 09 GIUGNO 2009
 

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DEFINITIVO DI AUTOSTRADA PEDEMONTANA COMUNE DI DESIO

   

TRACCIATO AUTOSTRADALE

   

Quale contributo ed integrazione del progetto del tracciato autostradale si richiede:

1. La riduzione della superficie territoriale attualmente destinata alla stazione di servizio progettata a nord del territorio comunale, dato il già forte consumo di suolo agricolo

 

MITIGAZIONI AMBIENTALI

 

Quale contributo ed integrazione dei progetti delle mitigazioni ambientali si fanno presenti le seguenti possibili interferenze con il Piano di Governo del Territorio approvato il 22/04/2009:

2. Il Documento di Piano del P.G.T. del comune di Desio riporta nel consolidato due comparti non attuati, a caratterizzazione commerciale/terziaria e produttiva, che risultano localizzati in coincidenza con le rampe dello svincolo progettato tra l’autostrada Pedemontana e la SS 36 (allegato 1). Detta indicazione contrasta con quanto prescritto nella deliberazione CIPE n. 77 del 29/03/06, in merito agli svincoli ed alle bretelle di collegamento. Si richiede, essendo esse aree intercluse, l’acquisizione delle stesse e la loro messa a destinazione quali aree a mitigazione ambientale (allegato 2), così come prescritto dal CIPE. La stessa incongruenza è stata rilevata anche dalla Provincia di Milano, di cui si allega (allegato 3) il parere di compatibilità del PGT comunale con il proprio PTCP.


Segnalazione incongruenza / Desio ALLEGATO 01

(riferimento tavola: PGT di Desio-Documento di Piano-Tavola n. 12)

Segnalazione incongruenza / Desio ALLEGATO 02   (riferimento tavola: D_AP_CCP00_CS01_000_IN_003_A)

OPERE DI COMPENSAZIONE AMBIENTALE

 

Quale contributo ed integrazione del progetto di Compensazione ambientale n°23 si fanno presenti le seguenti possibili migliorie:

3. A completamento delle aree destinate a compensazione già individuate dal progetto e poste a sud della stazione di servizio, si propone l’ampliamento dell’intervento compensativo previsto in quella porzione di territorio, tramite l’acquisizione e la messa a destinazione quale compensazione ambientale, delle aree poste a sud di quelle suddette, come indicate nell’allegato 4. Tali aree, infatti, sono individuate dal PGT comunale vigente, come “ambiti agricoli”, “servizi comunali” e “aree da tutelare”, indicazioni che paiono compatibili con la compensazione ambientale già prevista (allegato 5)

(riferimento tavola: D_AP_CCP23_CS01_000_TV_001_A)

Segnalazione miglioria / Desio ALLEGATO 04
 (riferimento tavola: D_AP_CCP23_CS01_000_TV_001_A)

Segnalazione miglioria / Desio ALLEGATO 05

(riferimento tavola: PGT di Desio-Documento di Piano-Tavola n. 12)

 

 
Quale contributo ed integrazione del progetto di Compensazione ambientale n°23 si fanno presenti le seguenti possibili interferenze con il Piano di Governo del Territorio approvato il 22/04/2009:
   

4. Si segnala che la “greenway”, così come delineata dal progetto delle compensazioni ambientali (allegato 6), attraverserà diversi nuovi comparti ad espansione edilizia previsti dal nuovo PGT (allegato 7) dove, nonostante lo strumento di pianificazione vigente, individui il tracciato della “greenway”, di fatto prevede che le zone di espansione arrivino a ridosso della stessa. In particolare, l’ambito di trasformazione n. 1 del PGT di Desio, contrasta anche con quanto prescritto nella deliberazione CIPE n. 77 del 29/03/06. Chiediamo quindi che vengano acquisite, lungo entrambi i lati di essa, delle aree libere a scopo protettivo, evitando così il totale conturbamento della “greenway” all’interno dell’edificato del comune di Desio.

 

Segnalazione interferenza / Desio ALLEGATO 06

(riferimento tavola: PGT di Desio-Documento di Piano-Tavola n. 12)

Segnalazione interferenza / Desio ALLEGATO 07

(riferimento tavola: D_AP_CCP00_CS01_000_IN_002_A)

 
 
 
OSSERVAZIONI PRESENTATE DA LEGAMBIENTE LOMBARDIA
   
Sistema Viabilistico Pedemontano - OSSERVAZIONI al progetto definitivo di Legambiente Lombardia
Milano, 20 maggio 2009                                                  
 
-ESTRATTO-
 .............
OSSERVAZIONE 3: si ritiene indispensabile per il trasferimento di rilevanti quote di traffico passeggeri la realizzazione di adeguati parcheggi di interscambio attestati all'intersezione delle linee ferroviarie di penetrazione metropolitana (FS Milano – Lecco, FS Milano – Molteno, FS Milano-Chiasso, FN Milano – Asso, FN Milano – Como). Tali opere e la loro gestione, anche ai sensi della vigente legge regionale sulle infrastrutture, devono essere intese come integranti al progetto di infrastruttura e realizzate ad onere e cura del gestore.
     
Ovviamente la condizione affinchè la Pedemontana non debba affrontare la progressione dell'aumento di traffico è che nell'area interessata si eviti l'insediamento di nuove funzioni generatrici di domanda di traffico stradale. Si tratta di una evenienza molto concreta, e perciò occorre che la pianificazione territoriale identifichi una congrua fascia di rispetto dell'infrastruttura (in particolare in corrispondenza degli svincoli e lungo le viabilità accessorie) all'interno della quale vengano tutelate le superfici libere da edificazione, con particolare riguardo a edificazioni terziarie quali quelle di centri commerciali, leisure center, multisale, poli logistici. Particolarmente problematiche per la generazione di nuova domanda risultano le viabilità accessorie, che si configurano come vere e proprie spine di penetrazione in territori suscettibili di trasformazione urbanistica, e ciò è particolarmente evidente per il tracciato della cosiddetta 'Varesina Bis', del collegamento Cermenate-Cogliate e di quello Bernareggio-Vimercate. Dette viabilità accessorie prefigurano una forte accelerazione dei processi di consumo di suolo che, nel territorio interessato, costituisce un carico ambientale inaccettabile, e che pertanto richiedono di essere assoggettato ad una valutazione preventiva alla predisposizione di un apposito Piano d'Area. Si ritiene tuttavia che dette opere non rappresentino infrastrutture sostanziali al funzionamento di Pedemontana, anche in considerazione del fatto che la loro funzionalità appare modesta e inadeguata alla esigenza di eludere l'attraversamento dei centri abitati da parte delle viabilità esistenti. 
     
vedi documento completo
    
LEGAMBIENTE LOMBARDIA - ONLUS - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale
via Mercadante 4 – 20124 Milano – tel 02 87386480 fax 02 87386487
e-mail: lombardia@legambiente.org  -  www.legambiente.org
   
Damiano Di Simine
Presidente Legambiente Lombardia
   
   
     
 
     
        OPERE DI COMPENSAZIONE AMBIENTALE PROPOSTE DALLA RETE       
 
 
     
zona Villa Buttafava, cascina San Giuseppe e aree agricole circostanti: creazione di un’area complessiva di mitigazione e compensazione ambientale che preservi il carattere rurale attuale e si adoperi per rendere fruibili, attraverso la realizzazione di percorsi ciclopedonali a siepi e filari, i tracciati interpoderali e vicinali già esistenti, anche attraverso convenzioni con singoli coltivatori diretti presenti sulle aree. Inoltre si richiede che per tale area venga richiesta l’adesione all’esistente Parco Locale d’Interesse Sovra comunale “Brianza Centrale”;
   
zona in località San Carlo, Ospedale, via per Cesano e via per Bovisio: creazione di un’area complessiva di mitigazione e compensazione ambientale conformata come parco urbano d’interesse sovra comunale, con opere che ne realizzino la piena fruibilità cittadina, sull’esempio del parco della Porada a Seregno, preservandone per quanto possibile il carattere rurale di alcune aree ancora coltivate, caratterizzate dalla presenza della rete di tracciati inter poderali e vicinali, anche attraverso convenzioni con singoli coltivatori diretti presenti sulle aree. La finalità di questo parco a oltre mitigare la presenza della PEDEMONTANA, sarebbe di creare un nodo ecologico che metterebbe in comunicazione diretta altri parchi esistenti nei comuni contermini: Parco di Cassina Savina e Parco della Baruccanetta e delle Rogge a Cesano Maderno, con il Parco del Meredo e il Parco Locale d’Interesse Sovra comunale “Brianza Centrale” a Seregno;
   
  zona fra le località di San Giuseppe e San Carlo: creazione di un’area complessiva di mitigazione e compensazione ambientale, in parte a prato rustico stabile e in parte a forestazione urbana, per mitigare la presenza della PEDEMONTANA con costruzione di percorsi ciclopedonali. Inoltre si richiede che per tale area venga richiesta l’adesione all’esistente Parco Locale d’Interesse Sovracomunale “Brianza Centrale”
 
    dorsale verde nord-sud, San Carlo-Valera, attraversata dalla nuova tangenziale ovest di Desio: creazione di un’area complessiva di mitigazione e compensazione ambientale con funzione di corridoio ecologico, con opere che ne realizzino la piena fruibilità cittadina, preservandone per quanto possibile il carattere rurale di alcune aree ancora coltivate, caratterizzate dalla presenza della rete di tracciati interpoderali e vicinali, anche attraverso convenzioni con singoli coltivatori diretti presenti sulle aree. Finalità di questo parco, creazione un corridoio ecologico che metterebbe in comunicazione diretta il Parco Locale d’Interesse Sovracomunale “Brianza Centrale” a Seregno, con il Parco del Grugnotorto-Villoresi di Varedo, attraverso il proposto parco urbano di San Carlo del precedente punto
   
  
 
dorsale verde est-ovest, Valera-Prati, caratterizzata dalla presenza del cimitero di Desio ed in parte attraversata dalla nuova tangenziale sud di Desio: creazione di un’area complessiva di mitigazione e compensazione ambientale con funzione di corridoio ecologico, con opere che ne realizzino la piena fruibilità cittadina, preservando per quanto possibile il carattere rurale di alcune aree ancora coltivate, caratterizzate dalla presenza della rete di tracciati interpoderali e vicinali e da un tessuto agricolo antico quale quello della cascina Valera e della zona dei “Prati” (così chiamata in memoria dei prati adacquatori della roggia di Desio, di cui rimangono le testimonianze nei terreni agricoli di competenza delle cascine Antona Traversi e Prati in territorio di Muggiò) anche attraverso convenzioni con singoli coltivatori diretti presenti sulle aree. La finalità di questo parco è la creazione di un corridoio ecologico che metterebbe in comunicazione diretta, per mezzo dell’area di pertinenza del cimitero nuovo e di alcune aree libere su quella direttrice, il centro storico di Desio ed il suo parco comunale Cusani-Traversi-Tittoni con il Parco del Grugnotorto-Villoresi di Muggiò e da lì verso Varedo, Seregno e Cesano Maderno, attraverso i già proposti corridoi ecologici dei precedenti punti;