CORNATE HOME
 
   
PL 34
 
  
MC 35
 
   
Greenway
     
   
Mitigazioni
   
     
Opere connesse
   
   
Cipe
   
    
Osservazioni
 
   
Progetto preliminare
 

               
   


 

 

Cornate D'Adda 


       
OSSERVAZIONI
Osservazioni presentate da  Insieme   in   rete   per   uno   sviluppo   sostenibile
   
   
OSSERVAZIONI AL PROGETTO DEFINITIVO DI AUTOSTRADA PEDEMONTANA COMUNE di CORNATE D’ADDA
 
OPERE DI COMPENSAZIONE AMBIENTALE
     
Tra le opere di compensazioni ambientali andrebbe previsto l’acquisto dell’area recintata (ex parco privato) situata nell’ansa del rio Vallone tra l’ansa stessa e la SP156. Si tratta di un’area relativamente limitata ma dalle grandi potenzialità fruitive.
 
     
   
     
UN RICORDO DI MARIO PARMA, GIA' SINDACO DI CORNATE,
FERMAMENTE CONTRARIO ALLA PEDEMONTANA
 
Riceviamo e volentieri pubblichiamo uno scritto dell'amico Vittorio Pozzati (già Sindaco di Mezzago).
   
 Un breve testo per ricordare la figura di Mario Parma, che è stato Sindaco dal 1995 al 2004 a Cornate d'Adda ed è recentemente deceduto (30-9-018) .
 
Parma fu uno del gruppo di Sindaci del vimercatese che con fermezza e solidi argomenti osò opporsi alla realizzazione dell'impattante autostrada Pedemontana Lombarda, mostrando che anche a livello Istituzionale si può e si deve far sentire la propria voce per tutelare il territorio, anche contro i faraonici progetti di devastanti infrastrutture, frutto di miopi e dubbie scelte governative.
   
 
Per Mario Parma
 
 
Da qualche giorno è venuto a mancare l’ex Sindaco di Cornate d’Adda, Mario PARMA.
Lo ricordo come un collega dalla personalità forte e determinata e punto di riferimento per tutti noi Sindaci all’epoca impegnati nel contrastare il progetto della Pedemontana Lombarda.
Queste poche righe per ricordare a tutti coloro che ancora sono impegnati su questo fronte che il Sindaco Parma è stata il primo a contestare il progetto ed ad impegnarsi in una battaglia lunga e faticosa, divenendo riferimento per gli amministratori del territorio del vimercatese, lecchese e dell’isola bergamasca.
 

Ricordo la decisa contestazione, le infinite riunioni, il lavoro sviluppato in collaborazione col Politecnico per offrire alternative al progetto pedemontano.
Da ultimo si è reso promotore di un ricorso alla Comunità Europea contro il progetto. Ricordo ancora che tutta questa ‘attività politica’ coinvolgeva in numerose assemblee e collaborazioni cittadini, associazioni e consigli comunali: quello che si può definire una autentica attività ‘partecipata’.
 
Parma è stato un Amministratore, tra gli altri meriti, essenziale per tutto questo e mi sembra doveroso ricordarlo a chi ancora è impegnato nella battaglia di contrasto a questo progetto che mantiene intatta tutta la sua inutilità e pericolosità per il territorio che abitiamo.
   
Vittorio Pozzati